Piccole storie per sopravvivere a un addio | Anna Pizzoccaro

introbio


Nel 2010 mia madre ha scoperto di avere una grave malattia e dopo circa un anno è morta. Accompagnarla nel suo decadimento e infine assistere alla sua morte ha cambiato me e le mie sorelle in modo totale e definitivo.

So che il lutto per la morte dei genitori è in un qualche modo naturale e inevitabile, eppure per me è stato molto difficile dirle addio e in seguito accettare la sua assenza. Ho attraversato periodi di vero buio, ho sofferto la solitudine, sono stata arrabbiata e per un certo periodo ho cercato ossessivamente un segno che fosse ancora qui. Infine ho conservato il suo ricordo in modo malinconico, impedendomi di essere completamente felice. Quando sono nati i miei figli ho deciso di trasformare il dolore in qualcosa di utile, in consapevolezza.

Ho ordinato le tantissime immagini prodotte negli ultimi anni in un racconto visivo sulla perdita e sull’assenza. Da quando mia madre si era ammalata infatti avevo creato molte immagini, in modo diverso a seconda della fase in cui mi trovavo ma in modo sempre costante e consapevole.
Questo racconto è costituito da tante storie: la mia, quella di mia madre e quella delle mie sorelle.

In queste storie il tempo non è lineare: passato e presente si fondono in una narrazione fantastica. Lo spazio è quello dell’animo.
Anna Pizzocaro




un progetto di



powered by
Options
Lampione notturno, pioggia, Italia, 2013. © Anna Pizzoccaro.
Options
Mia sorella cammina da sola in campagna, Scansione da pellicola bianconero, Sicilia, 2011. © Anna Pizzoccaro.
Options
Un cavallo bianco attraversa la strada, Scansione da pellicola a colori, Sicilia, 2011. © Anna Pizzoccaro.
Options
Mia sorella guarda fuori dalla finestra di casa mia, Milano, 2014. © Anna Pizzoccaro.
Options
Ecografia del mio secondo figlio, Milano, 2015. © Anna Pizzoccaro.
Options
Mio figlio indica quello che vede attraverso il vetro, fotografia effettuata con iPhone, Italia, 2017. © Anna Pizzoccaro.
Options
Letto di un ospedale, fotografia effettuata con iPhone, Milano, 2015. © Anna Pizzoccaro.
Options
Campagna italiana, scansione da pellicola bianconero, Italia, 2012. © Anna Pizzoccaro.
Options
Cielo dopo il temporale, Australia, 2013. © Anna Pizzoccaro.
Options
Mio figlio si stropiccia gli occhi mentre la luce entra dalla finestra, Italia, 2018. © Anna Pizzoccaro.
Options
Bosco in cui passeggio spesso, scansione da pellicola, Italia, 2012. © Anna Pizzoccaro.
Options
L’ombra di mia madre quando studiava al college negli Stati Uniti, collage, USA, ?. © Anna Pizzoccaro.
Options
Io e le mie sorelle durante una festa che ricordiamo, frame da video pubblico Youtube, Italia, 2002?. © Anna Pizzoccaro.


vai su FPmag
rivista di cultura dell'immagine
Options
I miei figli mi osservano al buio, Italia, 2018. © Anna Pizzoccaro.
Options
Il giardino della nostra ultima vacanza insieme, Scansione da pellicola bianconero, Sicilia, 2011. © Anna Pizzoccaro.
Options
Un arcobaleno appare il giorno del suo funerale, collage, Nowhere, 2012. © Anna Pizzoccaro.
Options
Una bambina sta imparando a nuotare senza braccioli, Gold Coast, Australia, 2013. © Anna Pizzoccaro.
Options
Il posto più a est del mondo, Australia, 2013. © Anna Pizzoccaro.
Options
Il pavimento di una stanza in cui non funziona la corrente, Milano, 2013. © Anna Pizzoccaro.
Options
Orchidee nell’ufficio di mia madre, Milano, 1995. © Anna Pizzoccaro.
Options
Mia madre ci lasciò scritte delle parole prima di andarsene, collage, Italia, ?. © Anna Pizzoccaro.
Options
Riflessi colorati sulle scarpe di mio figlio, Italia, 2017. © Anna Pizzoccaro.
Options
Polaroid di una persona che riposa, Milano, 2010. © Anna Pizzoccaro.
Options
L’ombra mia e di mio figlio nel nostro giardino, Italia, 2017. © Anna Pizzoccaro.
Options
Il vestito nero che indossava di mia sorella, Australia, 2013. © Anna Pizzoccaro.

25 images | slideshow

loading