Junkies | Mario Iovino

introbio
Non c'è una regola per crescere in modo sbagliato, non c'è un regola per vivere una vita sbagliata e non c'è una regola per vivere una morte sbagliata. Il club dei junkies è fatto da chi si buca. Da profano non sapevo cosa provocasse iniettarsi eroina ho scoperto corpi immobili e rilassati trovare una specie di pace dove la vita finisce e non inizia la morte. Il buco d’eroina gli dà la possibilità di provare a ripetere l’appuntamento con la morte, quella vera, come un rituale che si illudono di poter gestire.

Allontanare la morte per poi ripeterla più volte.

L’eroina è una cosa seria mi hanno detto come la vita, il sesso, la fame.
Per questo tipo di realtà non ci sono frasi cerimoniose, c’è solo da sforzarsi di capire che persone come noi sono finite nella merda, più o meno in profondità.
Lascio alle immagini quello che le parole non dicono.
Mario Iovino



powered by
Options
1 / 13 enlarge slideshow
Tor Bella Monaca, Roma. © Mario Iovino.
Options
2 / 13 enlarge slideshow
Roberto prepara la sua dose di eroina, Tor Bella Monaco, Roma. © Mario Iovino.
Options
3 / 13 enlarge slideshow
Roberto inietta lʼeroina nella vena che è sempre sicuro di raggiungere alla perfezione., Tor Bella Monaco, Roma. © Mario Iovino.
Options
4 / 13 enlarge slideshow
Terminata la corsa dello stantuffo Roberto, china il capo e il suo flash può avere inizio, Tor Bella Monaca, Roma. © Mario Iovino.
Options
5 / 13 enlarge slideshow
Maria accetta di farsi fotografare in macchina e io voglio testimoniare per far comprendere, Tor Bella Monaca, Roma. © Mario Iovino.
Options
6 / 13 enlarge slideshow
Maria cerca una vena nel collo con lʼaiuto dello specchietto del parasole dellʼauto, Tor Bella Monaca, Roma. © Mario Iovino.
Options
7 / 13 enlarge slideshow
Maria cerca altrove una vena e, come in un rito di autoflagellazione si scopre il petto per bucarsi, Tor Bella Monaca, Roma. © Mario Iovino.
Options
8 / 13 enlarge slideshow
Michele era da tempo pulito; mi racconta che sognava il buco di roba ogni giorno, lo dice con le lacrime agli occhi, Tor Bella Monaca Roma. © Mario Iovino.
Options
9 / 13 enlarge slideshow
La macchina di Matteo è la sua casa... ci vive dentro in pratica, Tor Bella Monaca, Roma. © Mario Iovino.
Options
10 / 13 enlarge slideshow
Matteo rimane in attesa perché qualcuno lo aiuti a farsi, da solo non ci riesce più, Tor Bella Monaca, Roma. © Mario Iovino.
Options
11 / 13 enlarge slideshow
Johnatan vive per strada vicino alla Stazione Termini, Stazione Termini, Roma. © Mario Iovino.
Options
12 / 13 enlarge slideshow
Guido, 23 anni, pensa solo a fArsi... ha le braccia martoriate, Stazione Termini, Roma. © Mario Iovino.
Options
13 / 13 enlarge slideshow
La sedia vuota... come il vuoto che sta intorno a tutte queste persone, TOr Bella Monaca, Roma. © Mario Iovino.


vai su FPmag
rivista di cultura dell'immagine
loading